Permesso di costruire

Permesso di costruire/Variante al permesso di costruire.
Informazioni su modalità, termini, costi, modulistica richiesta.

Descrizione del procedimento

Costituiscono trasformazioni urbanistiche ed edilizie soggette a permesso di costruire in quanto incidono sulle risorse essenziali del territorio:

  • a) gli interventi di nuova edificazione, e cioè la realizzazione di nuovi manufatti edilizi fuori terra o interrati, anche ad uso pertinenziale privato, che comportino la trasformazione in via permanente di suolo inedificato, diversi da quelli di cui alle lettere da b) a m), ed agli articoli 135 e 136;
  • b) l’installazione di manufatti, anche prefabbricati e di strutture di qualsiasi genere, quali roulotte, camper, case mobili, imbarcazioni, che siano utilizzati come abitazioni, ambienti di lavoro, depositi, magazzini e simili, che non siano diretti a soddisfare esigenze meramente temporanee, e salvo che siano installati, all’interno di strutture ricettive all’aperto per la sosta  ed il soggiorno dei turisti,  previamente autorizzate sotto il profilo urbanistico, edilizio e, ove previsto, paesaggistico, ed in conformità alle normative regionali di settore;
  • b bis) installazione dei manufatti per l’attività agricolo amatoriale e per il ricovero di animali domestici, nonché dei manufatti per l’esercizio dell’attività venatoria di cui all’articolo 78;(131)
  • b ter) l’installazione delle serre e dei manufatti aziendali di cui all’articolo 70, comma 3, lettere a) e b); (
  • c) la realizzazione di opere di urbanizzazione primaria e secondaria da parte di soggetti diversi dal comune;
  • d) la realizzazione d’infrastrutture e d’impianti, anche per pubblici servizi, che comporti la trasformazione in via permanente di suolo inedificato, ivi compresa l'installazione di torri e tralicci per impianti radio-ricetrasmittenti e di ripetitori per i servizi di telecomunicazione, fatto salvo quanto previsto dal d.lgs. 259/2003 (228);
  • e) la realizzazione di depositi di merci o di materiali e la realizzazione d’impianti per attività produttive all’aperto, che comporti l’esecuzione di lavori a cui consegua la trasformazione permanente del suolo inedificato;
  • f) la realizzazione degli interventi di ristrutturazione urbanistica, cioè quelli rivolti a sostituire l’esistente tessuto urbanistico-edilizio con altro diverso, mediante un insieme sistematico d’interventi edilizi, anche con la modificazione del disegno dei lotti, degli isolati e della rete stradale;
  • g) le addizioni volumetriche agli edifici esistenti realizzate mediante ampliamento volumetrico all’esterno della sagoma esistente;
  • h)gli interventi di ristrutturazione edilizia ricostruttiva consistenti in:

 

1) interventi di demolizione con fedele ricostruzione di edifici esistenti, intendendo per fedele ricostruzione quella realizzata con gli stessi materiali o con materiali analoghi prescritti dagli strumenti comunali di pianificazione urbanistica oppure dal regolamento edilizio, nonché nella stessa collocazione e con lo stesso ingombro planivolumetrico, fatte salve esclusivamente le innovazioni necessarie per l’adeguamento alla normativa antisismica;

2) interventi di demolizione e contestuale ricostruzione, comunque configurata, anche con diversa sagoma, di edifici, purché non comportanti incremento di volumetria rispetto a quelli preesistenti, fatte salve esclusivamente le innovazioni necessarie per l’adeguamento alla normativa antisismica; (230)

3) interventi di demolizione e ricostruzione di cui al punto 2, eseguiti su immobili sottoposti ai vincoli di cui al Codice, nel rispetto della sagoma dell’edificio preesistente;

4) ripristino di edifici, o parti di essi, crollati o demoliti, previo accertamento della originaria consistenza e configurazione, attraverso interventi di ricostruzione diversi da quelli di cui alla  lettera i).

  • i)il ripristino di edifici, o parti di essi, crollati o demoliti, previo accertamento della originaria consistenza e configurazione, attraverso interventi di ricostruzione comportanti modifiche della sagoma originaria, laddove si tratti di immobili sottoposti ai vincoli di cui al Codice;
  • l) gli interventi di sostituzione edilizia, intesi come demolizione e ricostruzione di edifici esistenti, eseguiti con contestuale incremento di volume, calcolato nel rispetto e nei limiti di quanto espressamente previsto dagli strumenti comunali di pianificazione urbanistica e dal regolamento edilizio, anche con diversa sagoma, articolazione, collocazione o (130) destinazione d’uso, a condizione che non si determini modificazione del disegno dei lotti, degli isolati e della rete stradale e che non si rendano necessari interventi se non di (130) adeguamento delle opere di urbanizzazione. Ove riguardanti immobili sottoposti ai vincoli di cui al Codice, gli interventi di demolizione e ricostruzione di cui alla lettera h), punto 2, comportanti modifiche alla sagoma preesistente, costituiscono interventi di sostituzione edilizia ancorché eseguiti senza contestuale incremento di volume;
  • m) le piscine nonché gli impianti sportivi, ancorché ad uso pertinenziale privato, (132) comportanti la trasformazione permanente di suolo inedificato .

In alternativa al permesso di costruire, possono essere realizzati mediante SCIA, oltre alle fattispecie di cui all’articolo 23, comma 01 del d.p.r. 380/2001, i manufatti di cui all’articolo 70, comma 3, lettera a) ed e) (232)  gli interventi di cui al comma 1, lettere g) ed h), ove non ricadenti all'interno delle zone omogenee “A” di cui al d.m. 1444/1968 o ad esse assimilate dagli strumenti comunali di pianificazione urbanistica, ai fini procedimentali si applica la disciplina di cui all’articolo 145,  restando comunque ferme le sanzioni penali previste dal d.p.r. 380/2001.

Sono soggette a permesso di costruire le varianti in corso d’opera diverse da quelle di cui all’articolo 135, comma 3, e articolo 143.

 

Modalità di presentazione

La domanda per il permesso di costruire, completa di tutta la documentazione può essere presentata:

in formato cartaceo, tramite posta o consegna diretta all’Ufficio Protocollo del Comune- Piazza Umberto I°, 1 - Cutigliano (PT) ovvero tramite posta certiifcata con firma digitale ;

(per le pratiche dello Sportello Unico delle Attività Produttive SUAP) tramite:

Alla presentazione della domanda seguirà la comunicazione di avvio del procedimento amministrativo da parte del responsabile del procedimento.

 

Termini procedimentali

Il procedimento e i tempi di rilascio sono disciplinati dall'art. 142 della L.R. 65/2014

Entro 60 giorni dalla presentazione della domanda, il responsabile del procedimento esegue l'istruttoria ed acquisisce i pareri necessari, formulando una proposta di provvedimento.

Il permesso è rilasciato dal dirigente responsabile entro 30 giorni dalla proposta del responsabile del procedimento.

Decorso inutilmente il termine di 90 giorni complessivi per l'adozione del provvedimento conclusivo, la domanda si intende accolta (c.d. silenzio-assenso), ad eccezione dei casi in cui sussistono vincoli ambientali, paesaggistici o culturali. In tali ipotesi, se sussiste parere negativo dell'Ente preposto alla tutela del vincolo, la domanda di permesso si intende respinta (c.d. silenzio-rifiuto).

Il termine per l'istruttoria è interrotto se viene effettuata dal Responsabile del procedimento la richiesta di documenti ad integrazione della documentazione presentata e ricomincia a decorrere per intero dalla data di invio della documentazione. Lo stesso termine può essere sospeso nel caso in cui il Responsabile del procedimento richieda modifiche di modesta entità rispetto al progetto originario.

Durata del permesso

L'inizio dei lavori deve avvenire entro 1 anno dal rilascio del permesso e deve essere comunicato al Comune.

I lavori devono essere ultimati entro 3 anni dall'inizio. Decorsi tali termini il permesso decade di diritto. Se le opere non risultano ultimate nei termini di validità deve essere presentata una nuova richiesta di permesso, oppure una Scia se le opere residue possono essere realizzate con la Scia.

L'efficacia temporale del permesso è disciplinata dall'art. 133 della L.R. 65/2014.

Costi
Costi
  PDF36,9K Tabella Costo di Costruzione territorio ex Cutigliano.pdf

  XLS46,1K Tabella oneri di urbanizzazione e costo costruzione territorio ex Abetone.xls

  PDF132,1K Tabella oneri di urbanizzazione territorio ex Cutigliano.pdf

I costi del permesso di costruire sono il contributo di costruzione, il cui importo viene determinato in relazione all'incidenza delle opere di urbanizzazione primaria e secondaria e del costo di costruzione. L'imposta di bollo pari a euro 16.

Modalità di pagamento

Il pagamento del contributo di costruzione deve essere effettuato prima del ritiro del permesso

Lik ai metodi di pagamento

Rateizzazioni

Qualora l'ammontare del contributo sia complessivamente superiore a € 1500, lo stesso può essere rateizzato mediante deposito, al momento del ritiro del permesso,di fidejussione o polizza fideiussoria. La fidejussione deve essere preventivamente verificata dall'U.O. Edilizia Privata.

L'importo degli oneri di urbanizzazione primaria e secondaria può essere versato in quattro rate semestrali, delle quali la prima va versata all'atto del ritiro del permesso e le altre tre rispettivamente entro sei, dodici e diciotto mesi dalla suddetta data. Agli importi rateizzati saranno applicati gli interessi di legge.

Il costo di costruzione va versato in tre rate semestrali entro sei, dodici e diciotto mesi dal suddetto ritiro.

Potere sostitutivo

Ai sensi dell’art. 144 ter della L.R. 65/2014, decorsi i termini procedimentali l’interessato può inoltrare istanza alla Regione per la nomina di un commissario ad acta.

Modulistica
Modulistica
  DOC68,1K Comunicazione inizio lavori.doc

  DOC50,7K Deposito variante finale.doc

Copertura
Copertura
  DOC47,6K Certificato di conformità delle opere eseguite.doc

  DOC30,2K Dichiarazione sostitutiva Marca da Bollo.doc

  DOC184,3K Elaborato tecnico della copertura.doc

torna all'inizio del contenuto